Di Ruderi e Scrittura

Vitti in 100 parole

Non fece in tempo ad aprire gli occhi che la sirena avvertì l’arrivo di nuovi bombardamenti. Messina era così nel ‘41, appena una sirena suonava tutti dovevano correre nei rifugi. Monica e i suoi fratelli erano entusiasti, era ormai diventato un gioco per loro. Avevano imparato a intrattenere il loro pubblico giocando ai pupi. O almeno così credevano. Giorgio disegnava degli occhi sul dorso delle mani. Monica dava loro la voce. Vedere la gente ridere la rendeva estatica. Fu in quell’occasione che decise di diventare un’attrice. Capì che poteva sfuggire dalla realtà interpretandone di diverse, appropriandosi di vite d’altri, auto conclusive, belle o brutte che fossero. L’importante, per lei, era non vivere la propria.  


Gaetano Barreca
AA.VV., Cento Parole, L’Erudita, Giulio Perrone Editore, 2021
.

©️ Tutti i diritti riservati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.